BIOGRAFIA

Diplomata in pittura all'Accademia di Belle Arti di Venezia, dal 1986 studio e sperimento le possibili forme attraverso le quali può essere rappresentata la tematica del TEMPO in ambito estetico, producendo opere in cui la pittura diventa "oggetto" in trasformazione. Uso supporti originali e materiali come terre e ossidi per colori dagli impasti diversi, smalti, oli e acrilici in una tecnica molto personale piuttosto che il plexiglas, la pietra, il legno, tanti materiali di recupero; nella continua ricerca tecnica utilizzo strumenti e modalità diverse come il video, la fotografia, la ceramica, la luce, le installazioni, la performance, la land art densi di connotazioni temporali.

Il viaggio estetico e concettuale sulle suggestioni del TEMPO inizia con una PITTURA MATERICA composta dall'istante del gesto e dalle stratificazioni; propongo il progetto “Prosopon”, indagine e interventi sul tema “L’Altro e il Sé” attraverso la metafora della maschera/specchio. La ricerca produce lavori di pittura su tavola, acqueforti, ceramiche, laboratori artistico-manipolativi, esposizioni personali e collettive, non ultima la personale di pittura VIBRAzioniPadova 2008 e RintracciArti 2008 Mantova.

Dopo la ricerca sul movimento, il ritmo, la ripetizione e la sequenza che portano ad una pittura quasi minimalista - il vuoto del colore e della forma - la pittura si trasforma in PITTURA D'ACQUA - documentata nella personale "Di terra e d'acqua" - RIV. 56 - Padova 2006. L’incontro del plexiglas con la cangianza e trasparenza dell’acqua dà vita alla “pittura d’acqua” con i suoi movimenti virtuali, è lo scorrere e il congelarsi in materia, con la pietra e le sue stratificazioni lente, con i segni del tempo incisi nel legno, con lo specchiarsi nel metallo.

Dal 2004 la pittura d'acqua trova nuove forme, alcuni elementi si svincolano dalla pittura e diventano opere di luce, dense di simbologie geometriche. Lavora al progetto “Onde di Forma”, fanno parte di questa ricerca lavori con materiali di recupero che diventano parte significante di alcune opere in plexiglas con “pittura d’acqua”, o sviluppati in GEOMETRIE dai simboli riflettenti luci, in cui si raccolgono elementi arcaici e spirituali.
L’armonia della geometria viene impiegata in opere luminose e installazioni di luce. Mater di luce ed acqua,2008 , Padova;  la geometria di vinili “Primo movimento”  partecipa a XX.9.12 FabrikArte, Archivio Vinile - Abano T. Padova 2008, un percorso espositivo itinerante.


Il fluire dell'acqua e il flusso del VIDEO: dal 1996 numerose ore di riprese video dedicate all'acqua, alla cangianza, ai riflessi, ai mutamenti. La ricerca produce videoclip digitali e animazioni, non ultimo il video "Onde di luce", EcoArtContest Roma 2009, "Canto di Gea sui nuovi mondi" Today Mater Lux, Napoli 2009, "Infiniti Mondi", Astrarti Padova 2009.
Nell'ambito della continua ricerca videografica, il flusso e i riflessi, i mutamenti dell’acqua sono utilizzati durante Performances ed Installazioni.


Mi rapporto con lo SPAZIO URBANO nell'installazione ”Mater di luce ed acqua” , Padova 2008, Artisti al muro, le Opere sui muri della città, Padova 2010 e con lo SPAZIO NATURALE con azioni di Land art, “Cubo di Ghiaccio” Padova, 2009; "Natural Land art", Ferrara 2009. Partecipo a progetti artistici e sociali legati a tematiche ambientali: A.C.Q.U.A. Abstract VIII edizione – I° International Mail Art per la salvaguardia del fiume Tagliamento, 2008; “Terna 02”, Roma 2009 e “Terna 03”, Roma 2010; Riciclarti - Riuso creativo e consumo sostenibile, Padova 2009. Nel 2010 partecipa a “Este_garden art” con l'installazione “La s-comparsa delle lucciole”, Giardini del Castello di Este; a "Giardino contemporaneo", con l'installazione “Narciso ed Eco”, Sacile; a “Delarsirlò, l'arte sul fiume", 2010, Padova.


La ceramica, con le sue fasi di trasformazione, dal 2006 apre nuove possibilità interpretative ed espressive. Indago con forme, progetti ed installazioni i linguaggi differenti della ceramica dal punto di vista tecnico, concettuale e poetico, manifestando i diversi stati della materia nell'opera-processo con forme dense di connotazioni temporali.
"Wu You, l'utile dell'inutile" installazione a Riciclarti, Padova 2009, "Omaggio a Terra Tempo Fuoco", ex-Macello RAM 2010 Padova, "Soglia con bozzoli", ex-Macello Padova 2011.

TERRA, NATURA, AMBIENTE

La ricerca tecnica della ceramica continua a manifestare le riflessioni sui processi di distruzione in atto nell'ambiente e nella società con il progetto Calpestata dal 2011 porto una forte riflessione sull'ambiente, sullo stato della nostra Terra, presentato a Riciclarti, Padova - Este_garden_Art, Este; Pragmatica, Padova; Il Richiamo della Foresta, Stra Venezia.
Le indagini sulla natura, sull'ambiente e la frammentazione nella contemporaneità continuano negli anni seguenti con Bozzoli, Pupe, Radici, Deserti, Germinazioni: tracce e forme anche antropomorfe che contengono la trasformazione, il senso del tempo bloccato nel suo svolgersi, impronte come non luoghi ricchi di nuove concezioni di vita.
Nella ricerca espressiva l'ideazione e produzione di azioni artistiche che utilizzano differenti linguaggi e di progetti curatoriali ed eventi sulla ceramica contemporanea costituiscono un percorso non secondario.